Scuola, ultime news: nuove assunzioni personale docente e supplenze per il nuovo anno!

Scuola, ultime news: tutti gli adempimenti all'indomani dell'avvio del nuovo anno

Cominciando dalle buone notizie, i dati raccolti dal Miur al termine dell’anno scolastico 2018/19 appena concluso confermano la tendenza a una riduzione della dispersione scolastica, con delle percentuali di abbandono ormai prossime all’1% per la secondaria di I grado e inferiori al 4% per quella di II grado. I dati sono un po’ più allarmanti (4,6%) se riferiti alla sola popolazione maschile, mentre la classe in cui si registra il maggior numero di ritiri (in corso d’anno o al termine) è sempre la prima superiore.

Rischio caos supplenze.

L’aspetto più preoccupante, a meno di due mesi dall’apertura del nuovo anno scolastico, riguarda invece – come sempre – la difficile situazione del personale docente. È di martedì l’allarme lanciato congiuntamente dalle sigle sindacali a proposito delle nuove assunzioni: le 58.000 annunciate dal ministro Bussetti sono purtroppo molto inferiori al numero necessario a completare gli organici. Si calcola che circa 28.000 rimarranno comunque vacanti, alcune, in particolare quelle di sostegno, per la carenza di candidati abilitati. In molti altri casi lo stallo potrebbe essere superato dando la possibilità d’ingresso, tramite un concorso riservato, ai tantissimi precari che da sempre garantiscono la prosecuzione dell’attività didattica, sebbene in assenza delle condizioni ideali di continuità e progettualità. A peggiorare la già difficile situazione, almeno per i due anni a venire, la vera e propria impennata dei pensionamenti (circa 20.000) successivi all’introduzione della “quota 100”. Insomma, la previsione è impressionante: tenendo conto di un “fisiologico” ma consistente plotone di supplenti (circa 100.000), il numero di cattedre vacanti all’inizio dell’anno scolastico potrebbe tranquillamente superare le 150mila unità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news