Reddito di Cittadinanza, è in arrivo il ricalcolo degli importi!

reddito-cittadinanza-0-min

Nel corso del 2021 partirà il ricalcolo del Reddito di Cittadinanza, con possibili tagli o aumenti a seconda della situazione della famiglia che lo percepisce. Non si tratta della possibilità di un taglio del sussidio necessario nel caso l’INPS dovesse esaurire le risorse a disposizione per la crescita del numero dei beneficiari, che per il momento è solo un’ipotesi, ma del ricalcolo dell’importo in seguito al rinnovo dell’ISEE.

Con il nuovo anno, come spiega il sito money.it, chi percepisce ancora il Reddito di Cittadinanza dovrà necessariamente rinnovare l’ISEE così da dimostrare di possedere ancora i requisiti economici richiesti per fruire del sussidio. In mancanza di ciò l’erogazione sarà sospesa.

La certificazione del possesso dei requisiti

In effetti l’ISEE ha una validità di dodici mesi; ne consegue che nel 2021, per continuare a percepire il Reddito di Cittadinanza bisognerà necessariamente chiedere il rilascio del nuovo ISEE. Oltre a ciò, questo dovrà certificare il possesso dei requisiti reddituali e patrimoniali previsti dalla normativa, pena la decadenza del sostegno. Comunque, lo scorso anno l’INPS ha deciso di pagare lo stesso la rata di gennaio anche a coloro che non avevano ancora rinnovato l’ISEE, al fine di evitare che i centri di assistenza fiscale fossero oberati da richieste di rinnovo dell’ISEE a ridosso di fine anno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news