Pensioni, Quota 100 bocciata dalla Corte dei conti. Le ultime novità

Bonus INPS da 1600 euro, domanda entro il 30 settembre 2021. Tutti i dettagli

La Corte dei conti ha bocciato Quota 100 e ha evidenziato la necessità di superare questo sistema che terminerà alla fine di quest’anno. Per i prossimi anni, la soluzione prefigurata dalla Corte sarebbe quella di “costruire un sistema di uscita anticipata che converga su un’età uniforme per lavoratori in regime retributivo e in regime contributivo puro”.

Come spiega il sito tg24.sky.it, allo stato attuale ai lavoratori in regime pienamente contributivo, ossia coloro che hanno cominciato a lavorare dopo il 1° gennaio 1996, la legge già consente di andare in pensione a 64 anni con venti anni di anzianità contributiva e un assegno di importo pari a 2,8 volte l’assegno sociale. Per evitare problemi di equità di trattamento tra lavoratori che sono entrati nel mondo del lavoro a poca distanza gli uni dagli altri, i magistrati invitano a trovare un’età comune per tutti, ma senza averla stabilita.

Una possibile doppia quota!

In ogni caso nel report si parla di pensionamento anticipato a 64 anni con almeno venti anni di versamenti, anche per chi rientra nel sistema misto, contributivo e retributivo. A differenza della Corte dei conti, il presidente dell’INPS Pasquale Tridico ha parlato piuttosto di una possibile doppia quota: andare in pensione anticipata a 62/63 anni con almeno venti di contributi per la sola parte contributiva maturata, mentre la quota retributiva sarà disponibile una volta raggiunti i 67 anni. Frattanto il report della Corte dei conti cita anche il numero di pensioni liquidate con Quota 100 al 31 gennaio 2021. Complessivamente sono state 278.000, meno di quanto previsto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news