Lavoro e pensioni, incontro fra governo e parti sociali

Marina Calderone-min

Un primo incontro vis-à-vis tra governo e parti sociali, Sindacati e rappresentanti delle imprese, con sullo sfondo la legge di Bilancio 2023, si è svolto in questi giorni nella sede romana del ministero del Lavoro. Come riporta il sito del Sole 24 Ore, padrona di casa è stata la neo ministra Marina Calderone. Se da una parte questo  è stato un primo giro di tavolo a pochi giorni dalla nascita del nuovo governo, dall’altra l’incontro ha preceduto la riunione del Consiglio dei ministri, volta a un aggiornamento del quadro programmatico della Nadef, step importante verso la manovra, da chiudere entro il 30 novembre.

Questo confronto è ritenuto essenziale, non solo sui temi del lavoro e delle pensioni, ma in generale sulle emergenze economiche e sociali sulle quali i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri hanno chiesto un incontro direttamente alla premier Giorgia Meloni a Palazzo Chigi.

Le Organizzazioni Sindacali vogliono una vera trattativa!

Sul tavolo dell’incontro al ministero del Lavoro c’è stato tutto un pacchetto di temi: dal taglio del cuneo fiscale contributivo alle nuove regole sulle pensioni, dal rafforzamento dei premi di produttività alle modifiche al Reddito di Cttadinanza, dalla sicurezza sul lavoro a un’attenuazione dei vincoli previsti dal Decreto Trasparenza. Sullo sfondo del confronto, c’è la consapevolezza che tutti i dossier richiedono risorse, e quindi un confronto con il ministero dell’Economia, in un contesto sempre più problematico. I Sindacati hanno già detto che non si accontenteranno di un dialogo: esigono una vera trattativa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news