I bonus senza ISEE del Governo, tutte le novità

Bonus Inps da 1000 euro

Il Governo Draghi ha confermato, per il 2021, l’erogazione di certi bonus senza ISEE. Generalmente per richiedere i bonus stabiliti dal Governo è necessario presentare l’ISEE, che deve essere inferiore a una data soglia. Ci sono tuttavia dei casi ove l’esecutivo ha stabilito di allargare l’erogazione di specifici benefici economici a favore di una platea più larga. È il caso di certi bonus che Draghi e il suo team hanno deciso di offrire senza la necessità di presentazione dell’ISEE per il 2021. Il sito Quifinanza.it, mostra i più importanti bonus 2021 senza ISEE: bonus Mamma domani, bonus Bebè,  bonus Asilo nido, Assegno unico universale, bonus Iscro per partite IVA.

Bonus Mamma domani!

Il bonus Mamma domani è un premio alla nascita di 800 euro che viene corrisposto dall’Inps per la nascita o l’adozione di un minore, a partire dal 1° gennaio 2017, su domanda della futura madre, al compimento del settimo mese di gravidanza (inizio dell’ottavo mese di gravidanza) o alla nascita, adozione o affidamento preadottivo. Le gestanti e madri, cittadine italiane, comunitarie o non comunitarie, devono essere regolarmente presenti e residenti in Italia per poterlo avere. La domanda deve essere presentata dopo il compimento del settimo mese di gravidanza e comunque, improrogabilmente entro un anno dal verificarsi dell’evento.

Bonus Bebè!

Il cosiddetto bonus Bebè, o assegno di natalità, è un assegno mensile destinato alle famiglie per ogni figlio nato, adottato o in affido preadottivo. L’assegno è annuale e viene corrisposto ogni mese fino al compimento del primo anno di età o del primo anno di ingresso nel nucleo familiare a seguito di adozione o affidamento preadottivo. Per le nascite, adozioni ed affidamenti preadottivi a partire dal 2020 la prestazione è stata rimodulata con nuove soglie di Isee e può spettare, in applicazione del principio dell’accesso universale, nei limiti di un importo minimo, anche per Isee superiori alla soglia di 40.000 euro o anche in assenza dell’indicatore Isee. La domanda deve essere presentata entro novanta giorni dalla nascita oppure dalla data di ingresso del minore nel nucleo familiare.

Bonus Asilo nido!

Il bonus Asilo nido è rivolto ai genitori di figli nati, adottati o affidati fino a tre anni d’età, compiuti nel periodo tra gennaio e agosto 2021, e consiste in un bonus per sostenere le spese per l’asilo nido o in un contributo per il supporto presso la propria abitazione, in caso di bambini disabili impossibilitati a frequentare l’asilo perché affetti da gravi patologie. Per ottenere il contributo è necessario presentare la documentazione che attesta l’avvenuto pagamento delle singole rette. Precisiamo che per usufruire del beneficio per più figli è necessario presentare una domanda distinta per ciascun bambino.

Assegno unico universale!

L’Assegno unico universale entrerà in vigore a partire dal 1° luglio 2021. Senza presentare l’Isee si avrà diritto a un bonus di 250 euro al mese per ogni figlio a carico dal settimo mese di gravidanza fino al ventunesimo anno di età, con maggiorazioni previste per figli disabili o dal terzo figlio in poi. In caso di figli maggiorenni, l’incentivo sarà erogato solo se frequentano un percorso di formazione scolastica o professionale o un corso di laurea o sono disoccupati. Chi non presenta l’Isee ottiene l’importo minimo di 250 euro.

Bonus Iscro per partite IVA!

L’Iscro è l’Indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa, un ammortizzatore sociale per i lavoratori autonomi, una specie di cassa integrazione, che per la prima volta, nel 2021, entra nel sistema di welfare italiano. Tuttavia chi riceve l’indennità deve partecipare a corsi di formazione professionale gestiti dall’Anpal.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news