Coronavirus, dieci regioni in zona rossa dal 15 marzo!

coronavirus1-min

Nuove misure restrittive “sono necessarie per evitare un peggioramento che renderebbe inevitabili provvedimenti ancora più stringenti”. Come riporta il sito Sputniknews, lo ha dichiarato il premier Mario Draghi mentre dieci regioni italiane si preparano ad entrare in zona rossa a partire da lunedì 15 marzo: Lombardia, Lazio, Piemonte, Puglia, Veneto, Marche, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Molise e la Provincia autonoma di Trento. Il resto d’Italia, tranne la Sardegna, che resterà zona bianca, sarà colorato di arancione.

In effetti, le nuove restrizioni somiglieranno più al lockdown dello scorso anno che alle chiusure del Natale del 2020. Non sarà consentito, infatti, raggiungere le case di parenti e amici, neppure una sola volta al giorno. Una deroga verrà consentita soltanto per i giorni di Pasqua, 3, 4 e 5 aprile, quando si potrà far visita ai propri cari, con il limite di uno spostamento al giorno in massimo due persone maggiori di quattordici anni.

Gli spostamenti consentiti!

Si potrà uscire di casa, muniti di autocertificazione, soltanto per fare la spesa, fare attività fisica o una passeggiata attorno a casa, portare a spasso il cane, andare in edicola e partecipare alla Messa nella chiesa più vicina alla propria abitazione. Tutti gli spostamenti che non rientrano in queste categorie devono essere effettuati per lavoro, necessità o salute. Ci si può sempre spostare per assistere persone anziane non autosufficienti, figli minori, per attività di volontariato o assistenza agli animali.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news