Bollo auto, si allarga la platea delle esenzioni! Tutte le novità

novita-bollo-auto-min

Dal 1° gennaio 2020 sono entrate in vigore numerose novità in merito al pagamento del bollo auto, tra cui anche alcune esenzioni per certe categorie specifiche di titolari di autovettura. Tra questi rientrano nelle esenzioni per il versamento della tassa tutti i soggetti con gravi disabilità, tra cui non vedenti, sordi, pluriamputati e con handicap psichici e mentali.

La prima importante novità è entrata in vigore a partire dal 1° gennaio 2020, con una nuova modalità di pagamento per il bollo, ovvero quella del versamento tramite il sistema PagoPa. La seconda novità riguarda la gestione dei dati relativi al pagamento del bollo auto da parte del Pubblico Registro Aci, conosciuto come PRA. Inoltre, a partire dal 1° gennaio 2020, tutti i dati e le informazioni riguardanti le autovetture sono state trascritte all’interno del documento unico di circolazione, il quale va così a sostituire il certificato di propri età auto e il libretto di circolazione.

Per chi sono le agevolazioni!

Le agevolazioni per il pagamento del bollo auto sono fruibili dai cittadini italiani citati all’interno della categoria di disabili titolari di Legge 104. Saranno esenti dal pagamento del bollo tutti i cittadini non vedenti, sordi, disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o con pluriamputazioni, i disabili con ridotte e limitate capacità motorie e disabili con handicap psichico o mentale di cui al comma 3, dell’art. 3 della legge n. 104 del 1992 e aventi diritto all’indennità di accompagnamento.

Inoltre, come spiega il sito trend-online.com, potranno beneficiare dell’esenzione anche i cittadini italiani in possesso delle auto elettriche fino al quinto anno dopo l’acquisto dell’autovettura. Allo stesso modo, potranno non pagare il bollo auto anche i titolari delle auto storiche di almeno 30 anni di vita e delle auto ibride che sono state comprate durante l’anno 2019, con un’esenzione pari a 3 o 5 anni per la tassa del bollo auto.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news