Scuole: la Campania verso la chiusura per 2 o 3 settimane

Scuola: green Pass obbligatorio anche per i genitori. Ecco le novità

Sulla carta le scuole dovrebbero riaprire lunedì 10 gennaio. Tuttavia seguono tre settimane prima della fine del mese, indicato dagli epidemiologi come quello del picco del Covid-19 nella sua variante Omicron, dominante in Italia al posto della Delta. Come spiega il sito di Fanpage, da due giorni il Governo guidato da Mario Draghi prima rassicura a ogni livello che le lezioni riprenderanno, poi fa riunioni interministeriali e coi sindacati della scuola, segno che il quadro nazionale non è chiraro.

In Campania, così come in Toscana e in Veneto, il Presidente di Regione ha già detto chiaramente che non vuole riaprire le scuole, a causa dei troppi contagi e dei pochi vaccinati fra i ragazzi: una situazione ingestibile! Il testo di proposta delle nuove regole prodotto dai presidenti regionali e indirizzato alla conferenza Stato – Regioni è alquanto confuso: Dad con uno, due o tre contagi in base all’età; stop all’educazione fisica e al canto e per le scuole dell’infanzia; una settimana di isolamento con un solo contagio. E alle elementari e medie quarantena di sette giorni in presenza di due o più casi. Oggi il Consiglio dei ministri darà il suo via libera alle nuove misure.

De Luca: «Farò da solo!»

Meglio chiudere, vaccinare e poi riaprire, dicono dalla Regione Campania: il presidente Vincenzo De Luca nelle ultime ore ha avuto i suoi consueti toni veementi: «Farò da solo se il Governo non decide», mentre ieri l’assessora all’Istruzione Lucia Fortini durante una diretta video su Facebook è apparsa molto più collaborativa con Roma: «Siamo per la didattica in presenza ma se c’è un numero così alto di positivi tra alunni e personale scolastico, la didattica in presenza sarà solo teorica perché poi di fatto si ritornerebbe comunque alla Dad».

La chiusura con recupero a giugno!

E dunque la Campania vuole chiudere le scuole per due o tre settimane a gennaio e farle recuperare nel mese di giugno. L’ordinanza di Palazzo Santa Lucia sarebbe sostanziata esclusivamente da gravi motivi sanitari in ordine all’incremento dei contagi. Come abbiamo visto, De Luca fino a ieri si diceva intenzionato a procedere a prescindere dal Governo nazionale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news