Reddito di cittadinanza, sono 16.773 le domande per diventare Navigator!

Reddito di Cittadinanza, pagamenti anticipati per il mese di febbraio 2022

Sul sito dell’Anpal è partita la selezione per 3000 navigator, ovvero un tutor che ha il compito di guidare i beneficiari del Reddito di cittadinanza alla ricerca di un lavoro e per assisterli nella loro formazione. I candidati che hanno già inoltrato la domanda al 23 aprile 2019 sono 16.773. E’ la regione Sicilia a guidare la classifica regionale delle candidature, con 2.477 richieste seguita dalla Campania con 2.475. Seguite dal Lazio con 2.236, dalla Puglia con 2.004 e dalla Calabria con 1.497. Le candidature per divenare Navigator possono essere inviate entro le 12 dell’8 maggio.

Ecco i posti disponibili in ciascuna regione per i Navigator

Tra i requisiti per candidarsi, occorre essere laureato economia, scienze della politica, scienze delle pubbliche amministrazioni, sociologia, scienze dell’educazione, servizio sociale e politiche sociali, psicologia, teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica o scienze pedagogiche. Inoltre, nella domanda deve essere specificata la provincia per la quale ci si intende candidare e non è possibile presentare più di una candidatura.

Per quanto riguarda i posti disponibili per regione, in testa c’è la Campania con 471 posti a disposizione, dove la provincia di Napoli ne prevede 274. A seguire la Sicilia con 429 posti di cui 125 a Palermo e 100 a Catania. Poi nel Lazio con 273 Navigator, di cui 195 nella provincia di Roma e in Lombardia con 329 di cui 76 a Milano e 50 a Brescia.

La prova consiste nella somministrazione di un test a risposta multipla composto da massimo 100 quesiti su 10 materie: tra queste la cultura generale, la logica, l’informatica, il diritto del lavoro e le regole del diritto di cittadinanza. Al termine della sessione d’esame avverrà la correzione in forma anonima e automatica delle prove dei candidati e il calcolo dei relativi punteggi. Il punteggio totale di ciascun candidato è ottenuto valutando le risposte fornite con un punto per ogni risposta esatta, zero punti per la mancata risposta e una penalizzazione di 0,4 punti in caso di risposta sbagliata.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news