Niente quorum referendum Atac, Riccardo Magi: “impugneremo la questione davanti al Tar”

Niente quorum referendum Atac, Riccardo Magi: "impugneremo la questione davanti al Tar"

Il referendum “Mobilitiamo Roma” lanciato e promosso dai radicali italiani e Più Europa non ha raggiunto il quorum, si sono recati all’urna il 16,4%. E’ stato proposto per “mettere a gara il servizio di trasporto pubblico a una o più aziende sotto il diretto controllo del comune di Roma che continuerà, ad esempio, a stabilire il prezzo del biglietto e le tratte necessarie per ogni quartiere“.

“Il mancato raggiungimento del quorum è una sconfitta per l’amministrazione della democrazia diretta, per una sindaca che ha fatto fatica a dire una parola sul referendum. Nelle condizioni date siamo soddisfatti di come i romani hanno risposto” ha detto il deputato radicale Riccardo Magi. “Il Campidoglio lo ha tolto per i referendum lo stesso giorno in cui ha indetto questo. A nostro avviso il quorum non c’è, quindi impugneremo la questione davanti al Tar” ha aggiunto.

Referendum Atac: l’affluenza si ferma al 16,4%. Il Si ottiene il 75%. Le proteste dei cittadini: “Ci hanno impedito di votare”.

Hanno votato circa 386.900 cittadini su 2.363.989 iscritti al voto: alle 12 si era registrato il 4,63%, alle 16 l’affluenza aveva raggiunto l’8,95 % e alla chiusura dei seggi alle 20 è stata del 16,38%. A Tor Bella Monaca record negativo con il 9,3%, qualche punto in più a Parioli e San Lorenzo, 25,3%, con il «sì» che ha toccato quota 88% per entrambe i quesiti, l’esito finale ha superato di poco il 16 per cento, lontano dal raggiungimento del quorum richiesto, ovvero il 33%.

Molti cittadini hanno protestato che non hanno potuto votare: “Sono stato impedito dal presidente di seggio perché non avevo con me la tessera elettorale” raccontato un cittadino del Municipio I. Eppure una circolare del Comune parlava chiaro: “Si avvisano i signori presidenti di seggio che, per i referendum consultivi di domenica 11 novembre 2018, gli elettori iscritti nelle liste della sezione sono ammessi a votare anche se sprovvisti di tessera elettorale e che la tessera elettorale, eventualmente esibita, non deve essere timbrata come attestazione di voto“.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news