Canone Rai via dalla bolletta elettrica: l’addio è certo

Canone Rai: dal 2022 fuori dalla bolletta elettrica. Le novità

Il canone Rai, questo è evidente e ben noto, è sempre stato inviso agli italiani. Era stato istituito in qualità di tassa di possesso della tv, ai tempi in cui il televisore era un bene di lusso. Col tempo, tuttavia, la tassa è rimasta, anche quando la tv è diventata un bene di largo consumo, e in ogni casa sono iniziati a comparire svariati apparecchi televisivi.

Come riporta il sito Contocorrenteonline.it, in tempi recenti, quelli del Governo Renzi, per costringere gli italiani a pagare il canone, viste le scarse adesioni volontarie, si pensò di accorpare la tassa all’interno della bolletta dell’energia elettrica. Tuttavia non pochi furono coloro che videro come un sopruso la costrizione a pagare una tassa all’interno di un’altra forma di pagamento di servizi ricevuti, come per l’energia elettrica.

Ritorno al passato!

L’attuale Governo Draghi si è ufficialmente impegnato a eliminare la quota canone Rai dal pagamento della bolletta dell’energia elettrica, soddisfacendo le richieste dei numerosi cittadini che si dichiarano contrari a questa forma di pagamento forzoso. In effetti il Premier tenta di ricucire uno strappo tra cittadini e istituzioni che va avanti da qualche anno, a causa di un provvedimento impopolare. In questo modo si ritorna al passato, col rischio, tuttavia, di ritornare a quelle condizioni che hanno reso necessaria la situazione attuale, quando la gente non pagava il canone, ritenendolo iniquo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news