Taglio del cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti. Tutti i dettagli!

La linea di Giuseppe Conte per rilanciare il Movimento 5 Stelle

È in arrivo il taglio del cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti. In effetti, un lavoratore dipendente potrà godere di un incremento dei propri introiti in busta paga fino a 1.200 euro annui in più. Il Governo Conte ha introdotto la riduzione del cuneo fiscale per i redditi da lavoro dipendente. Il taglio del cuneo fiscale è un provvedimento molto atteso dai contribuenti italiani. Dal mese di luglio sarà operativo per i dipendenti con redditi fino a 40.000 euro.

Come spiega il sito trend-online, il Bonus IRPEF fino a 1.200 euro in busta paga riguarderà oltre sedici milioni di lavoratori. I dipendenti con reddito annuo fino a 28.000 euro riceveranno in busta paga una somma di importo pari a 600 euro sino al mese di dicembre. Chi percepisce redditi da lavoro dipendente da 28.000 euro a 40.000 euro potrà beneficiare di una detrazione dall’imposta lorda di importo decrescente che si azzererà al raggiungimento dei 40.000 euro annui.

Abrogato il bonus Renzi

Nel frattempo, la busta paga di giugno è l’ultima busta paga più “leggera”, col solo bonus Renzi oramai abrogato. I lavoratori dipendenti vedranno il contributo nella propria busta paga di luglio nei primi giorni di agosto. Il taglio del cuneo fiscale è un intervento che porta dei benefici fiscali per una vasta platea di contribuenti. Si stima che siano circa sedici milioni i lavoratori dipendenti che si trovano nella fascia di reddito tra i 8.174 e 40.000 euro.

L’agevolazione per le diverse fasce di reddito

Questi lavoratori dipendenti potranno usufruire una busta paga più pesante. L’agevolazione verrà assegnata in due modi diversi, in base al reddito: 100 euro al mese per i dipendenti che hanno un limite di reddito pari a 28.000 euro, 80 euro per i dipendenti che hanno un reddito compreso tra i 28.001 euro fino a 35.000 euro, da 80 euro fino a 0 euro per i dipendenti che hanno un limite di reddito da 35.001 fino a 40.000 euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news