Super Green Pass: tutte le novità sull’eventuale introduzione

Decreto Covid: tutte le novità a partire dal 1 aprile 2022

Tutta Europa è alle prese con l’inizio della quarta ondata della pandemia da Covid-19. Molti Paesi stanno adottando nuove misure restrittive per far fronte alla ripresa della diffusione del virus. Come spiega il sito notizie.virgilio.it, anche in Italia sono in aumento casi e ricoveri, ma allo stato attuale nel nostro Paese la situazione è migliore rispetto a gran parte dei nostri vicini, anche perché abbiamo un’alta percentuale di vaccinati.

Comunque, dopo l’introduzione in Austria di una sorta di “lockdown” per i non vaccinati, va avanti, anche in Italia, una discussione su questo problema. L’ultimo a intervenire sulla questioneè stato il governatore altoatesino Arno Kompatscher, che ha lanciato l’idea di un super Green Pass per vaccinati e guariti: “Abbiamo chiesto a Roma di consentire vantaggi per i vaccinati, come già avviene in alcuni Paesi europei con la regola 2-G”, ha detto Kompatscher, invitando il governo a seguire l’esempio della vicina Austria.

L’idea di un Super Green Pass o del lockdown per i no vax è stata bocciata da più parti in Italia. “Da noi la comunità scientifica non sta discutendo questa misura“, ha detto a “Cartabianca” su RaiTre il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. “È una misura forte – ha evidenziato il Ministro – noi siamo arrivati prima al Green Pass, anche perché abbiamo avuto prima la pandemia”.

Non c’è bisogno del modello austriaco!

Secondo Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, il “modello austriaco” è una misura di cui adesso non abbiamo bisogno. Della stessa opinione è il presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Cts, Franco Locatelli: “Sia in termini concreti operativi sia per quanto riguarda la compatibilità con i diritti costituzionali, penso sia alquanto problematica quindi non credo sia una soluzione proponibile nel nostro Paese”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news