Spid obbligatorio entro la fine del 2018 per l’accesso alla pubblica amministrazione

Spid obbligatorio entro la fine del 2018 per l’accesso alla pubblica amministrazione

Dalla fine del 2018, sarà obbligatorio lo Spid per poter accedere ai servizi dell’Agenzia delle Entrate, in quanto verranno modificate le credenziali Fisconline. A comunicarlo è stato Ernesto Maria Ruffini, Direttore uscente dell’Agenzia.

Spid obbligatorio entro la fine del 2018 per l’accesso alla pubblica amministrazione.

Per poter accedere ai servizi proposti dall’Agenzia delle entrate sarà necessario sfruttare lo Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale). L’obiettivo è quello di rendere maggiormente fruibili i servizi online del Fisco, attraverso lo SPID e migrando rapidamente verso un sistema pubblico che preveda una completa identità digitale del cittadino. In questo modo si potrà semplificare l’accesso a determinati siti, come indicato nella relazione di fine mandato di Ruffini.

Questo modo consentirà all’utente d’essere più autonomo, muovendosi liberamente tra Pubblica Amministrazione e sportelli virtuali dell’Agenzia delle Entrate.

Lo Spid per l’accesso ai servizi online, è stato introdotto dal provvedimento dello scorso 9 aprile 2018 ed è già disponibile, ma il suo utilizzo è al momento ancora alternativo. Entro la fine del 2018 rappresenterà il sistema obbligatorio da utilizzare.

Si tratta di una sola chiave per l’intero sistema di Pubblica Amministrazione, ovvero un documento di identità virtuale, con nome utente e password legati esclusivamente al singolo cittadino, che potrà così evitare lunghe file di attesa agli sportelli.

Per ottenerlo bisogna aver compiuto 18 anni ed essere in possesso del proprio documento d’identità, della tessera sanitaria (con codice fiscale riportato), di un numero di telefono e di un indirizzo mail valido. Registrandosi su uno degli otto gestori di identità SPID abilitati (come ad esempio: Infocert, Aruba, Tim, Poste, Sielte, Register.it, Intesa, Namirial, N.d.R.) bisognerà poi seguire passo dopo passo le istruzioni fornite.

Sarà inoltre possibile richiedere lo SPID di livello 2, che prevede un maggior livello di sicurezza, a tutela della propria privacy. In questo modo l’autentificazione avviene con l’inserimento di una password e un PIN dinamico, che cambierà ad ogni accesso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news