Saldi invernali 2024, le date regione per regione

Saldi estivi 2021: ecco il calendario ufficiale regione per regione

La Commissione Sviluppo Economico della Conferenza delle Regioni, che si è riunita il 21 novembre 2023, ha approvato l’istanza della stragrande maggioranza delle associazioni di categoria più significative a livello nazionale, dando conferma come data di inizio dei saldi invernali venerdì 5 gennaio 2024 in tutta Italia. L’unica regione ad anticipare la data è stata la Valle d’Aosta, che inizierà la stagione dei saldi già dal 3 gennaio 2023.

Un consiglio per acquisti sicuri!

Secondo la Confcommercio “I capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo”. Ne consegue che la regola più importante per acquisti sicuri è quella di iniziare già da adesso a monitorare cosa si vuole comprare per controllare i prezzi, così da verificare se effettivamente c’è una riduzione sul prezzo della merce scontata a gennaio 2024.

Le date di inizio dei saldi regione per regione!

Abruzzo: chiesto il posticipo a sabato 20 gennaio, Basilicata: venerdì 5 gennaio – sabato 2 marzo, Calabria: venerdì 5 gennaio, Campania: venerdì 5 gennaio (per 60 giorni), Emilia Romagna: venerdì 5 gennaio – martedì 5 marzo, Friuli Venezia Giulia: venerdì 5 gennaio – domenica 31 marzo, Lazio: venerdì 5 gennaio – venerdì 16 febbraio, Liguria: venerdì 5 gennaio – domenica 18 febbraio, Lombardia: venerdì 5 gennaio – lunedì 4 marzo, Marche: venerdì 5 gennaio – venerdì 1 marzo, Molise: venerdì 5 gennaio – martedì 5 marzo, Piemonte: venerdì 5 gennaio – venerdì 1 marzo, Puglia: venerdì 5 gennaio, Sardegna: venerdì 5 gennaio – martedì 5 marzo, Sicilia: venerdì 5 gennaio – venerdì 15 marzo, Toscana: venerdì 5 gennaio (per 60 giorni), Trentino Alto Adige: sabato 13 gennaio, Umbria: chiesto il posticipo a sabato 27 gennaio, Valle d’Aosta: venerdì 5 gennaio – domenica 31 marzo, Veneto: venerdì 5 gennaio – mercoledì 28 febbraio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news

Informazioni sull'autore