Rivalutazione delle pensioni: le novità dalla Legge di Bilancio 2020

Chi va in pensione nel 2021? Le varie modalità di pensionamento

La legge 27 dicembre 2019, n. 160 “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.304 del 30-12-2019. Il provvedimento è entrato in vigore a partire dal 1°gennaio 2020. Il testo contiene alcune novità sulla rivalutazione delle pensioni per il triennio 2020-2022.

Per il periodo 2020-2021 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo  stabilito dall’articolo 34, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, è riconosciuta nella misura del 100% per i trattamenti pensionistici complessivamente pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps. Per gli importi superiori è riconosciuta secondo un criterio stabilito da scaglioni.

Rivalutazione delle pensioni per trattamenti  superiori a quattro volte il minimo Inps

Per i trattamenti pensionistici complessivamente superiori a quattro volte il trattamento minimo INPS la rivalutazione è riconosciuta con riferimento all’importo complessivo dei trattamenti: nella misura del 77 % per i trattamenti pensionistici complessivamente pari o inferiori a cinque volte il trattamento minimo Inps, nella misura del 52 % per i trattamenti pensionistici complessivamente superiori a cinque volte il trattamento minimo Inps e pari o inferiori a sei volte il trattamento minimo Inps, nella misura del 47 % per i trattamenti pensionistici complessivamente superiori a sei volte il trattamento minimo Inps e pari o inferiori a otto volte il trattamento minimo Inps, nella nella misura del 45 % per i trattamenti pensionistici complessivamente superiori a otto volte il trattamento minimo Inps e pari o inferiori a nove volte il trattamento minimo Inps. l’aumento di rivalutazione è comunque attribuito fino a concorrenza del predetto limite maggiorato, nella misura del 40% per i trattamenti pensionistici complessivamente superiori a nove volte il trattamento minimo Inps.

Rivalutazione delle pensioni nel 2022

A decorrere dal 1° gennaio 2022 l’indice di rivalutazione automatica delle pensioni è applicato, secondo il meccanismo stabilito dall’articolo 34, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448: nella misura del 100% per le fasce di importo dei trattamenti pensionistici fino a quattro volte il trattamento minimo Inps; nella misura del 90 % per le fasce di importo dei trattamenti pensionistici comprese tra quattro e cinque volte il trattamento minimo Inps; nella misura del 75% per le fasce di importo dei trattamenti pensionistici superiori a cinque volte il predetto trattamento minimo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news