Riforma delle pensioni, tutti gli aggiornamenti su Quota 102

Pensione anticipata, domande entro il 1 marzo 2022. Scopriamo per quali categorie

Non vengono meno le voci sulla probabile riforma previdenziale del Governo di Mario Draghi con l’ipotesi della cosiddetta Quota 102 che prende corpo. Come spiega il sito wallstreetitalia.it, per ora non c’è nulla di definitivo, ma, con la fine della sperimentazione triennale di Quota 100,  sono molte le ipotesi in merito circolate nelle ultime settimane.

La più accreditata è Quota 102, una sorta di Quota 100 riveduta e corretta, che prevede l’uscita con 38 anni di contributi versati e 64 anni di età. Uno slittamento anagrafico di due anni rispetto a quota 100. Secondo quanto afferma Alberto Brambilla, di Itinerari Previdenziali, “la pensione anticipata dovrebbe essere resa stabile con 42 anni e 10 mesi per gli uomini, un anno in meno perle donne”.

Donne: uno sconto di 8 mesi!

Per accedere alla pensione in anticipo con Quota 102, potrebbe essere previsto un massimo di due anni di contributi figurativi utilizzabili e verrebbero esclusi dal conteggio dei contributi figurativi quelli derivanti da maternità, servizio militare e riscatti volontari. Inoltre per l’accesso a quota 102 per le donne, potrebbe essere previsto uno sconto di otto mesi per ogni figlio avuto fino ad un massimo di 24 mesi.

Agevolazioni varie!

Sconti anche per i caregiver, ossia coloro che assistono familiari non autosufficienti: si potrebbe scontare un anno sui requisiti per chi assiste da almeno cinque anni un familiare con handicap grave. Agevolazioni anche per i lavoratori precoci che vedrebbero maggiorare del 25% gli anni di lavoro prestati tra i 17 ed i 19 anni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news