Reddito di cittadinanza e pensioni d’oro: è scontro Lega-M5S!

Reddito di cittadinanza e pensioni d’oro, è scontro Lega-M5S

I nodi del governo Conte verranno al pettine sulla legge di Bilancio per il 2019 da elaborare in autunno. Se il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha avuto successo nel convincere Luigi Di Maio e Matteo Salvini a mandare messaggi rassicuranti all’Europa sul rispetto dei parametri, spiegando loro che è inutile sforare il limite del 3% se poi quei soldi in più vengono neutralizzati dall’innalzamento dello spread, più complicato sarà invece stendere una legge di Bilancio che possa comprendere le esigenze politiche ed elettorali di entrambi.

Il sottosegretario Massimo Bitonci ha affermato che se ci sono a disposizione dieci miliardi di euro, cinque andranno impegnati per provvedimenti della Lega, gli altri cinque per quelli del M5S. Ma trovare il compromesso, anche alla luce delle dichiarazioni dei due leader, non sembra così facile.

I terreni di scontro tra Lega e M5S.

Primo obiettivo di Di Maio e i suoi è rendere operativo il reddito di cittadinanza entro le Elezioni Europee della primavera 2019. L’obiettivo è una versione extralarge a 780 euro del reddito di inclusione introdotto dal Pd, cui aggiungere una corposa ristrutturazione dei centri per l’impiego.

Nessun compromesso al ribasso, promette Di Maio che minaccia: “O c’ è il reddito in manovra o c’ è un grande problema per questo governo”.

Salvini evita accuratamente di parlare di reddito di cittadinanza, concentrandosi piuttosto sulla Fornero e sull’idea di quota 100 a 62 anni (prima si parlava di 64, probabile che la mediazione col ministro Tria la porti a 63).

La Lega dovrà presumibilmente rinunciare alla flat tax, accontentandosi di ‘spalmarla’ su tutta la legislatura e partendo dalla tassazione forfettizzata per le partite Iva e le società di persone: pagheranno il 15% fino a 65 mila euro e il 20% sopra questa soglia.

Altro terreno di scontro tra Lega e M5S è quello relativo al taglio delle pensioni d’oro. Salvini vorrebbe alzare a 5 mila euro la soglia per il prelievo delle pensioni d’oro che i grillini hanno fissato a 4 mila.

Senza contare la cosiddetta pace fiscale, dove il tetto che la Lega aveva proposto per chiudere il contenzioso con il Fisco si è abbassato a un milione, dai 5 milioni iniziali che il ministro grillino del Sud Baraba Lezzi aveva definito “un favore per i super ricchi”.

Nel ruolo di mediatore e garante dei conti, ma anche di possibile vittima sacrificale, il ministro dell’Economia Giovanni Tria, chiamato da qui a pochi giorni a stendere il documento di programmazione economica (DEF), atteso con il coltello tra i denti dalle agenzie di rating e dai mercati.

Verranno rispettati tutti i parametri dell’Unione Europea e nel contempo si proverà ad inserire tutto il possibile, dal Reddito di cittadinanza alla Flat Tax, spalmando su 5 anni. Al limite Tria sforerà su qualche voce per poi trovare un ovvio compromesso con Bruxelles.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news