Reati minori, Nordio pensa a un’espiazione alternativa. Le ultime news

Diritto di visita ai figli per i genitori separati ai tempi del Coronavirus. Ecco le novità

Il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, intervenendo all’incontro “Tra storia e prospettiva – Vent’anni di Garante di Roma Capitale e dei Garanti territoriali delle persone private della libertà”, ha dichiarato, a proposito dei reati minori: “Una buona percentuale di detenuti sconta una pena per reati minori. Ma l’espiazione della pena non dovrebbe essere necessariamente affidata alle sbarre e ai catenacci: servono soluzioni alternative, che in parte già esistono, su cui stiamo lavorando”.

I Garanti dei detenuti!

Ricordiamo che al convegno, moderato da Valentina Calderone, garante dei detenuti di Roma Capitale, sono intervenuti fra gli altri partecipanti Roberto Gualtieri, sindaco di Roma, Luigi Manconi, senatore e primo garante dei detenuti di Roma Capitale, Stefano Anastasia, garante per la Regione Lazio, e Mauro Palma, garante nazionale dei detenuti.

La gratitudine del ministro Nordio!

“Ci sono reati che non possono immaginare la libertà di chi li ha commessi, a partire da quelli di sangue”, ha chiarito il Guardasigilli e poi ha sostenuto che “queste forme di espiazione non si possono eseguire senza una collaborazione strettissima con le realtà territoriali”. I Ministro, manifestando la sua riconoscenza per l’istituzione del Garante, “fondamentale figura di civiltà”, ha rammentato che appena nominato a capo del suo dicastero, le sue “prime visite ‘pastorali’ sono state fatte proprio nelle carceri, da Poggioreale a Regina Coeli”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news

Informazioni sull'autore