Pensioni sociali, le novità per il 2024

Pensioni, i pagamenti anticipati per aprile 2021!

Con il nuovo anno 2024, ci sono delle novità che si profilano in prospettiva per coloro che percepiscono l’assegno sociale, meglio conosciuto anche come pensione sociale. Sappiamo che da gennaio partirà un ulteriore incremento che è dovuto alla rivalutazione degli importi computata sulla scorta dell’inflazione corrente. Vediamo insieme di quanto andranno a salire le pensioni sociali e quali dovranno essere i limiti di reddito stabiliti per richiedere il sussidio.

L’assegno è calcolato sulla base dell’inflazione!

Rivolto a chi ha già compiuto sessantasette anni, la pensione sociale integra ogni mese il reddito in circostanze di bisogno economico. L’importo totale spetta solo ai percettori che dichiarano reddito zero. Negli altri casi il calcolo avviene sottraendo all’importo annuo dell’assegno sociale il reddito dichiarato, dividendolo poi per tredici, corrispondenti alle mensilità. L’assegno non è fisso ma viene calcolato sulla base dell’inflazione. Come per i trattamenti previdenziali e altre prestazioni di tipo assistenziale, anche sulla pensione sociale viene applicata la rivalutazione.

Una rivalutazione di 27 euro al mese!

Se si ha come riferimento una rivalutazione al 5,4%, da gennaio l’assegno sociale raggiungerebbe i 534,4 euro, pari a un incremento di 27 euro al mese. Sul piano annuale l’importo per il 2024 ammonterebbe quindi a 6.947,20 euro. Rimane il calcolo basato sul reddito. Il percettore che dichiara 3.000 euro all’anno avrà diritto a un assegno sociale di 3.947,20 euro, 303,63 euro al mese. L’assegno concorre sempre a raggiungere almeno i 534 euro in totale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news

Informazioni sull'autore