Pensioni, l’anticipo TFS per gli statali, le dichiarazioni di Fabiana Dadone, che ha firmato l’accordo!

fabiana-dadone-ministro-pa-min

È stato firmato l’accordo quadro per l’anticipo del Trattamento di fine servizio per gli statali. Lo annuncia sul suo profilo Facebook la ministra della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone che si è battuta in questi mesi per le pensioni degli statali i quali, per avere il TFS, devono aspettare fino a 24 mesi. L’accordo arriva dopo il decreto specifico in merito.

Come riporta il sito money.it, la Ministra ha dichiarato: “Siamo arrivati finalmente al capitolo finale per l’anticipo del TFS: ho appena posto la mia firma sull’accordo quadro con l’Associazione delle banche italiane che stabilisce le modalità per la presentazione della domanda. Non appena anche l’Abi, il Ministro del Lavoro e il Ministro dell’Economia e Finanze apporranno la firma, l’INPS potrà iniziare ad accettare le domande.”

Accordo quasi completo!

Dunque l’accordo è quasi completo e gli statali potranno andare in pensione sapendo di poter avere, tramite una banca, il TFS subito. Ha aggiunto la titolare del dicastero: “So che è passato molto tempo dall’emanazione del decreto, circa 3 mesi, e so che molti di voi si aspettavano, giustamente, tempi più brevi. Ma, come ben sapete, avendone seguito l’iter, si è trattato di un passaggio molto lungo e complicato, il cui perfezionamento ha coinvolto tre ministeri (Lavoro, MEF e Funzione pubblica) oltre naturalmente ad Abi e INPS. La bozza di accordo ha inoltre richiesto il parere del Garante Privacy e dell’Agcm. Siamo ora al giro delle firme finali.”

Un processo articolato!

In conclusione: “Un processo articolato, dicevamo: ho cercato di accelerare al massimo il lavoro del nostro dipartimento e ho stimolato le altre amministrazioni in merito. Mi avete giustamente scritto in tanti, anche quotidianamente: ora finalmente, una volta apposte le firme che auspico non tarderanno, l’INPS potrà ricevere le vostre domande per vedere, finalmente, riconosciuto un vostro sacrosanto diritto.”

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news