Pensioni di invalidità, arrivano gli aumenti! Tutte le ultime novità

Assegno di invalidità, tutte le novità sull'intervento del Governo

Sono in arrivo gli aumenti delle pensioni di invalidità per gli invalidi civili totali, ciechi assoluti e sordi, decisi dal Governo con il Decreto Agosto. Saranno riconosciuti d’ufficio contestualmente al pagamento del prossimo assegno di pensione. Lo precisa l’INPS nella circolare numero 107 del 23 settembre 2020, riportata dal sito investireoggi.it. Nel documento si spiega che, in virtù della sentenza della Corte Costituzionale dello scorso mese di giugno e del successivo intervento del Governo, sarà riconosciuta la dovuta maggiorazione economica. La decorrenza è il 20 luglio 2020, pertanto verranno corrisposti anche gli arretrati a partire da quella data.

Come puntualizza l’INPS, gli aumenti riguardano gli invalidi al 100%, compresi ciechi e sordomuti, che hanno un’età compresa fra i 18 e 59 anni, esclusi in precedenza dalla normativa. Rimangono fuori anche gli invalidi civili parziali e gli invalidi civili totali con redditi superiori a una certa soglia riportata nella circolare. Per gli invalidi con età pari o superiore a 60 anni, gli aumenti sono già previsti dalla normativa vigente.

Da 285 a 651 euro!

L’aumento da 285,66 euro a 651,51 euro, per tredici mensilità, è ormai legge dello Stato. Rispetto alla tempistica, una data precisa finora non è stata ancora fornita, ma – come sostiene l’ANMIC (Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili), sempre ripresa dal sito investireoggi.it, – i tempi sono maturi e con il prossimo mese dovrebbero essere elaborati i pagamenti. La data dovrebbe quindi essere quella del 2 novembre 2020, giorno ufficiale per il pagamento delle pensioni.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news