Pensioni, Bonus bollette e lavoro agile, le novità di luglio 2023

Bonus Inps da 1000 euro

Ci sono lavoratori che nel mese di luglio 2023 vedranno incrementarsi le loro pensioni minime. Questo aumento è contemplato dalla legge di bilancio 2023 come un tentativo di rimedio nei confronti del caro vita e in effetti riguarda solo gli ex lavoratori che hanno versato in passato i contributi previdenziali. Ne consegue dunque, per esempio, che le pensioni minime d’invalidità civile non avranno alcun aumento. In questo stesso mese di luglio verranno pagati anche gli arretrati e la quattordicesima mensilità.

Le novità sul Bonus bollette!

 Intanto il Bonus sociale per le bollette di luce e gas viene prorogato dal 1° luglio 2023 al 30 settembre. Lo ha stabilito il Consiglio dei ministri dello scorso 27 giugno, nel corso del quale è stato dato il via a un nuovo decreto Bollette. Ad avere il sussidio sono le famiglie che hanno un ISEE minore di 15.000 euro. Non ci sarà bisogno di farne richiesta: lo sconto in bolletta sarà automatico. La soglia è più alta per le famiglie che hanno almeno quattro figli: 30.000 euro. Il decreto ha anche rinnovato, per quanto riguarda il gas, l’azzeramento degli oneri di sistema in bolletta e la riduzione dell’Iva al 5%.

Smart working per lavoratori fragili o con problemi!

Oltre a ciò, a partire dal 1° luglio entreranno in vigore le nuove norme sul lavoro agile. Questa modalità, introdotta per fronteggiare l’emergenza coronavirus, è stata prorogata fino alla fine del 2023 nel settore privato per i lavoratori affetti da gravi patologie e per quelli con figli under 14, purché l’altro genitore non sia beneficiario di misure di sostegno al reddito. Allo stesso tempo, per il pubblico, la proroga vale solamente per la seconda categoria, cioè i cosiddetti ‘lavoratori fragili’.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news

Informazioni sull'autore