Pensioni 2019: le ultime novità sugli esodati e la nona salvaguardia pensionistica

Pensioni 2018: il punto Cupla sulle riforme del sistema previdenziale

La Commissione Bilancio ha ritenuto ammissibile la proposta emendativa alla Legge di Bilancio 2019, con primo firmatario l’On. Walter Rizzetto di Fratelli D’Italia, che prevede il varo della nona salvaguardia pensionistica a beneficio degli esodati rimasti esclusi dalle precedenti salvaguardie. Risultano ancora 6.000 gli esodati rimasti in una condizione di “limbo”, lontani dalla pensione ed esclusi dal mondo del lavoro.

Esodati e nona salvaguardia: l’emendamento 1334/XI/21.011, con primo firmatario Walter Rizzetto.

Emendamento 1334/XI/21.011 presentato da Walter Rizzetto e Riccardo Zucconi:” Dopo l’articolo 21, aggiungere il seguente: Art. 21-bis. (Nona salvaguardia esodati).

  1. I requisiti e le decorrenze vigenti prima della data di entrata in vigore dell’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, si applicano, a domanda, ai lavoratori e alle lavoratrici che maturano i requisiti per il pensionamento successivamente al 31 dicembre 2011 e non inseriti nelle otto salvaguardie anteriori, fino ad un numero pari a 6.000 soggetti.

2. Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, con proprio decreto da emanarsi entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, stabilisce i requisiti di accesso alla nona salvaguardia, senza introdurre limiti temporali e comprendendo coloro che hanno sottoscritto accordi di incentivo all’esodo prima della data di entrata in vigore dell’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214.

Costi della nona salvaguardia.

Per quanto riguarda i costi della nuova operazione di salvaguardia, al comma 3 dell’emendamento 1334/XI/21.011 viene specificato: “Agli oneri derivanti dalle presenti disposizioni, che si quantifica in 329 milioni di euro, si provvede, a decorrere dall’anno 2019 a valere sulle risorse residue dalle precedenti salvaguardie e fino a concorrenza del relativo fabbisogno mediante riduzione del fondo istituito al comma 2 dell’articolo 21, destinato ad interventi in materia pensionistica”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news