Occupati in aumento nel primo trimestre 2023. Le ultime novità!

Lavoro: Damiano commenta i dati sulla crisi occupazionale

Nel primo trimestre del 2023 in Italia l’Istat ha rilevato 513.000 occupati in più. L’Istituto nazionale di statistica riporta che gli occupati, nel primo trimestre 2023, sono 104.000 in più rispetto al quarto trimestre 2022 (+0,4%): l’incremento riguarda i dipendenti a tempo indeterminato (+92.000, +0,6%) e gli indipendenti (+27.000, +0,5%), laddove i dipendenti a termine sono in calo (-15.000, -0,5% in tre mesi); alla crescita del numero di disoccupati (+23.000, +1,2% in tre mesi) si unisce il decremento degli inattivi di 15-64 anni (-150.000, -1,2%).

Crescita del tasso di occupazione!

In effetti l’aumento dell’occupazione, +513.000 unità, +2,3% in un anno, è riferito ai dipendenti a tempo indeterminato (+3,7%) e gli indipendenti (+1,0%), mentre diminuiscono i dipendenti a termine (-2,7%); rispetto al primo trimestre 2022, prosegue il calo dei disoccupati (-76.000 in un anno, -3,5%) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-558.000, -4,3%). Questo andamento si riflette nella crescita del tasso di occupazione (+1,5 punti rispetto al primo trimestre 2022) e nella diminuzione dei tassi di disoccupazione e di inattività (-0,5 e -1,4 punti, rispettivamente).

I dati generali su occupazione e disoccupazione!

Per quanto riguarda il tasso di occupazione, esso sale al 60,9% (+0,3 punti) nel primo trimestre del 2023, quello di disoccupazione all’8% (+0,1 punti) e il tasso di inattività 15-64 anni cala al 33,7% (-0,4 punti). L’Istat trova che i dati provvisori del mese di aprile 2023 segnalano, rispetto al mese precedente, un’ulteriore incremento degli occupati (+48.000, +0,2%), insieme al calo dei disoccupati (-14.000, -0,7%) e degli inattivi (-25.000, -0,2%); ne deriva un aumento del tasso di occupazione (+0,1%) e una diminuzione di quelli di disoccupazione e di inattività (-0,1%).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news

Informazioni sull'autore