Naspi: il governo va verso il taglio, tutte le novità

disoccupazione-min

Allo studio della ministra del Lavoro, Marina Calderone, c’è il taglio della Naspi, l’indennità di disoccupazione, che costa più del Reddito di Cittadinanza. Ecco allora che, come spiega il sito Investireoggi.it, le modalità di calcolo saranno meno generose, benché il governo debba ancora presentare in Consiglio dei ministri i nuovi criteri. La Naspi fino a oggi corrisponde al lavoratore il 75% dello stipendio mensile fino al massimo di 1.250,87 euro. Per la parte di stipendio superiore, sarà corrisposto il 25%. In ogni caso, l’importo mensile della Naspi non può eccedere i 1.360,77 euro.

La Naspi è riconosciuta per la metà dei mesi lavorati negli ultimi quattro anni, cioè fino a un massimo di ventiquattro mesi. Dal calcolo si sottraggono i periodi che hanno già dato diritto a percepire l’indennità. A partire dal sesto mese, con la legge di Bilancio 2022 del governo Draghi fu introdotto un taglio del 3% al mese dell’importo erogato. La riforma ha puntato a rendere la Naspi meno disincentivante al lavoro. Oggi, il governo Meloni vuole proseguire su questa strada, anzitutto abbassando il periodo di fruizione. Si parla del 40% o anche del 30% del periodo lavorato negli ultimi quattro anni. Dunque, l’indennità di disoccupazione sarebbe percepita fino a un massimo di circa diciannove mesi.

Incentivare al lavoro!

Oltre a ciò, il taglio dell’indennità scatterebbe un po’ prima. Si parla dopo il quarto mese. L’obiettivo resta lo stesso della stretta sul Reddito di Cittadinanza: incentivare i cittadini a lavorare, anziché vivere di sussidi. Le due riforme su Naspi e RdC mandano al Paese un segnale chiaro dopo anni di vocazione assistenzialista dei governi che si sono succeduti. Con un’indennità di disoccupazione meno generosa e per meno tempo, la speranza è che i beneficiari siano incentivati a trovarsi un nuovo lavoro prima. Ricavare qualche miliardo di euro per tale via sarebbe essenziale per fare quadrare i conti pubblici in una fase drammatica per l’economia italiana.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news