Minibot, bocciati da ministro Tria. Di Maio: “Se non vanno bene, Mef dia soluzioni”

Manovra, oggi la lettera in risposta all'Ue

I minibot, che sono stati proposti dal sottosegretario leghista Gian Carlo Giorgetti, sono un surrogato di titolo  infruttifero e privo di scadenza che non viene assegnato in un’asta del Tesoro con un rendimento deciso dal mercato. Inoltre il minibot, è destinato alla circolazione cartacea, con una imitazione cromatica e di formato delle regolari banconote in euro. Sono stati proposti come soluzione per pagare i debiti della Pubblica amministrazione.

Ministro dell’economia Giovanni Tria boccia i minibot. La risposta di Luigi Di Maio e Matteo Salvini

Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria a margine del G20 finanziario di Fukuoka ha dichiarato in merito alla proposta dei minibot: “questa è una cosa che sta nel loro programma: il ministero dell’Economia ha girato un parere negativo“.

A rispondere è stato il vicepremier e ministro del Lavoro e dello sviluppo economico Luigi Di Maio che in post su facabook ha scritto: “Se lo strumento per pagare le imprese non è il minibot, il Mef ne trovi un altro. Ma lo trovi, perché il punto sono le soluzioni, non le polemiche, né le presunte ragioni dei singoli“.

Anche l’altro vicepremier Matteo Salvini è intervenuto dicendo: “sullo strumento dei minibot si può discutere, è una proposta, ma il fatto che sia urgente pagare le decine di miliardi di euro di arretrati e di debiti che la pubblica amministrazione ha nei confronti di imprese e famiglie deve essere chiaro a tutti, in primis al ministro dell’Economia. È una questione di giustizia”.

A rispondere a Matteo Salvini è stato il segretario del Pd Nicola Zingaretti, che su Twitter ha scritto: “Caro Salvini è giusto che il governo paghi i debiti della Pubblica Amministrazione. Ma con i soldi, non con le patacche come i minibot”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news