Lo sciopero trasporti spostato, dal 27 novembre al 15 dicembre, i Sindacati rispondono all’attacco di Salvini

Sciopero Trasporto Pubblico: novità, date, fasce garantite, modalità di svolgimento

Alla fine si è deciso per il rinvio dello sciopero dei trasporti pubblici. I Sindacati di base fanno slittare la data dal 27 novembre al 15 dicembre. È ciò che fanno sapere i rappresentanti dei lavoratori, a fronte della decisione del ministro dei Trasporti Matteo Salvini di precettare i lavoratori in sciopero riducendo la mobilitazione da ventiquattro a sole quattro ore. La precettazione era in vista, dal momento che il titolare del dicastero aveva chiesto di ridurre l’orario dello sciopero proclamato per lunedì, ma non sie era trovato un accordo.

Una nota del ministero dei Trasporti!

Il ministero ha diffuso una nota che recita: “Il titolare del Mit è altresì determinato a ridurre al massimo i disagi per i cittadini, anche alla luce di agitazioni che ormai sono diventate molto frequenti, e che colpiscono con particolare insistenza il settore dei trasporti. Troppo spesso gli scioperi creano complicazioni proprio nell’ultimo giorno prima del weekend o all’inizio della settimana lavorativa”.

La replica dei Sindacati è una sfida a Salvini!

Ne consegue la riduzione a quattro ore e la replica dei rappresentanti dei lavoratori, che spiegano, in una nota firmata da Adl Cobas – Cobas Lavoro Privato – SGB -CUB Trasporti – Usb Lavoro Privato, che suona come una sfida a Matteo Salvini: “La precettazione da parte del ministro dei Trasporti Salvini dello sciopero nazionale del Tpl di 24 ore, regolarmente indetto dalle sigle dei sindacati di base, altamente rappresentativi nel settore, è tutt’altro che inaspettata. Ciò, però, non toglie la gravità di quanto deciso da Salvini, interprete da padrone delle ferriere dell’art.8 della L.146/90″

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news

Informazioni sull'autore