Lavoro nella PA, le novità sul Portale del Reclutamento

Lavoro nella PA, le novità sul Portale del Reclutamento

Insieme al Decreto Reclutamento approvato dal Governo, è nato anche il Portale del Reclutamento della Pa. Sarà lo spazio dove ogni cittadino potrà seguire i bandi concorsuali su una mappa interattiva georeferenziata, registrarsi attraverso Spid, Cie e Carta nazionale dei servizi. Come spiega il sito Orizzontescuola.it, qui avrà luogo l’incontro tra domanda e offerta di lavoro pubblico. Il Portale del reclutamento sarà una nuova, rivoluzionaria, opportunità per attuare la riforma del reclutamento garantendo la massima digitalizzazione, con la massima trasparenza nelle selezioni.

Porta virtuale unica!

Secondo quanto specifica il Dipartimento della Funzione Pubblica, il Portale sarà la porta virtuale unica di accesso alla Pubblica amministrazione sia per i concorsi pubblici ordinari, sia per le procedure di reclutamento straordinarie legate all’attuazione del Pnrr. In un unico spazio, ogni cittadino potrà seguire i bandi concorsuali delle amministrazioni su una mappa interattiva georeferenziata, registrarsi attraverso Spid, Cie e Carta nazionale dei servizi inserendo il proprio curriculum attraverso un form apposito, inviare la domanda di partecipazione, pagare la tassa attraverso PagoPa e monitorare le procedure di selezione dall’avvio alla pubblicazione delle graduatorie finali.

Ulteriori funzionalità di questo Portale, riguarderanno la gestione di modalità di reclutamento diverse da quelle ordinarie, come i tirocini formativi o le procedure fast track previste dal Pnrr . Il Portale sarà una banca dati dei fabbisogni, delle competenze e dei profili del personale pubblico. Chi aspira a lavorare nella Pa, a sua volta, sarà interessato alle posizioni più aderenti al proprio curriculum e potrà scegliere in maniera più efficace e mirata le selezioni alle quali prendere parte.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news