Incentivi in busta paga per i dipendenti pubblici, le ultime novità

Dedicata a te, la carta da attivare entro il 31 gennaio 2024

Nel corso del mese di agosto 2023, dopo lo sforamento dai tempi previsti all’inizio, ci sarà l’accredito del cosiddetto Bonus busta paga, che fa parte del più ampio Bonus dipendenti pubblici. Questo incentivo arriverà contestualmente con gli arretrati accumulati da gennaio a luglio, portando un consistente beneficio per i lavoratori. La platea dei percettori è piuttosto ampia, in quanto coinvolge circa 3,2 milioni di dipendenti pubblici in tutta Italia.

Un Bonus pari all’1,5% della retribuzione!

In effetti questo Bonus è volto a dare un sollievo a fronte dell’aumento dell’inflazione e si rivolge a varie categorie di dipendenti della pubblica amministrazione. L’importo totale del Bonus sarà equivalente all’1,5% della retribuzione degli statali. In altri termini l’ammontare varierà in base alla retribuzione di ciascun lavoratore. Ne consegue che le cifre saranno diverse per ciascuna persona.

Sperando in un contrasto all’inflazione!

Per fissare le idee, mentre il minimo incremento potrebbe consistere in circa 185 euro lordi, i dirigenti di prima fascia potrebbero godere di un aumento fino a 534 euro lordi. Questa maggiorazione darà un sostegno finanziario ai dipendenti statali e contribuirà a contrastare l’aumento dell’inflazione, che incombe sui generi di prima necessità, sulle utenze e sugli affitti. Si spera che la misura abbia un impatto positivo sulla situazione economica delle famiglie del nostro Paese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news

Informazioni sull'autore