Il nuovo Dpcm di marzo, tutte le news!

mario-draghi-2-min

C’è l’obbligo di portare la mascherina e di mantenere la distanza, il divieto di assembramento, il coprifuoco dalle 22 alle 5: nel Dpcm firmato da Mario Draghi non cambiano le misure per il contenimento del coronavirus in vigore dal 6 marzo al 6 aprile. Come spiega il sito del Corriere della Sera, arriva una stretta decisa nelle zone rosse e non vengono previsti allentamenti per i locali pubblici la sera e per le piscine e le palestre, ancora chiuse. Una sola deroga riguarda l’asporto delle bevande da enoteche e vinerie che in tutta Italia sarà consentito fino alle 22.

Queste regole restano valide per un mese, anche se per i cinema e teatri si apre uno spiraglio il 27 marzo. Quel giorno, se la curva epidemiologica lo consentirà, le sale potranno infatti essere riaperte al pubblico. Saranno ancora vietate le feste e chiuse le sale giochi e le discoteche anche in zona bianca. Sull’eventuale coprifuoco, che può anche essere abolito, deciderà invece un «tavolo tecnico».

Confermate le regole per gli spostamenti!

Così recita il Dpcm: «Fino al 27 marzo 2021, sull’intero territorio nazionale è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione». Oltre a ciò è «vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori in zona arancione e rossa» salvo che per «comprovate esigenze». Per chi abita in zona arancione «è vietato ogni spostamento in un comune diverso». Per chi abita in zona rossa «sono vietati gli spostamenti».

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news