Governo Meloni e Decreto Aiuti quater, il sostegno alle imprese

giorgia-meloni-min

Il governo Meloni si è riunito in serata per approvare il Decreto Aiuti quater. La misura stanzia 9,1 miliardi contro il caro bollette e introduce importanti novità sul superbonus a partire dal 2023. Ecco cosa contiene il provvedimento per quanto riguarda le imprese. Come spiega il sito Upday.com, per fronteggiare l’incremento dei costi dell’energia il dl Aiuti quater prevede che le imprese potranno richiedere ai fornitori la rateizzazione, per un massimo di 36 rate mensili, degli importi dovuti relativi alla componente energetica di elettricità e gas naturale per i consumi effettuati dal 1 ottobre 2022 al 31 marzo 2023 e fatturati entro il 30 settembre 2023.

Al fine di assicurare la più ampia applicazione della misura, Sace è autorizzata a concedere una garanzia pari al 90 per cento degli indennizzi generati dalle esposizioni relative ai crediti vantati dai fornitori di energia elettrica e gas naturale residenti in Italia. La garanzia è rilasciata a condizione che l’impresa non abbia approvato la distribuzione di dividendi o il riacquisto di azioni negli anni per i quali si richiede la rateizzazione, sia per sé stessa che per quelle del medesimo gruppo.

Il tetto contanti!

Oltre a ciò, il governo Meloni ha deciso di far salire a cinquemila euro la soglia che è possibile pagare in contanti. Il tetto, che al momento è fissato a duemila euro, e che sarebbe dovuto scendere a mille a partire dall’anno prossimo, salirà fino a cinquemila euro. A fine ottobre la Lega aveva chiesto di aumentarlo fino a diecimila.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news