Euro digitale, presto la fase di preparazione

Fmi: lancia allarme giovani, sempre più a rischio povertà in Europa

Ok da parte della Bce alla seconda fase, che è quella preparatoria, delleuro digitale. Decisione, questa, del consiglio dei governatori della Banca centrale europea, secondo cui il lancio effettivo avvenire dopo che sarà completato l’iter legislativo dell’Unione europea. In un comunicato dell’Eurotower, viene evidenziato come sia stata portata a termine la fase di indagini iniziata nell’ottobre 2021. Per la nuova fase di preparazione “serviranno due anni“.

Due anni per la seconda fase!

Inizierà il primo novembre 2023 e durerà per cominciatre due anni la fase due, quella di preparazione, per l’euro digitale. In questo stadio verrà fatta la “messa a punto del manuale di norme e la selezione dei fornitori che potrebbero sviluppare la piattaforma e le infrastrutture necessarie. In questa fase, inoltre, saranno condotti test e sperimentazioni per realizzare un euro digitale”. Trascorsi due anni, il consiglio direttivo deciderà se passare alla fase successiva dei preparativi, ponendo le condizioni per un’eventuale emissione.

Una forma digitale di contante!

La presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, ha dichiarato: “Dobbiamo preparare la nostra moneta per il futuro“. E ancora: “Concepiamo un euro digitale come una forma digitale di contante che possa essere utilizzata gratuitamente per qualsiasi pagamento digitale e che risponda agli standard più elevati di riservatezza. Un euro digitale affiancherebbe il contante, che sarà sempre disponibile, in modo che nessuno rimanga indietro”.

Leggi Anche

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news

Informazioni sull'autore