Dichiarazione dei redditi 2019, tutte le novità sui nuovi modelli!

Dichiarazione dei redditi 2019, tutte le novità sui nuovi modelli!

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio portale web i modelli e le istruzioni relativi alla dichiarazione dei redditi 2019, relativi al periodo di imposta 2018. Tra cui il modello 730/2019, 770/2019 e la certificazione unica 2019. Tra le novità del modello 730/2019 troviamo il bonus Irpef per gli abbonamenti del trasporto pubblico, la detrazione per gli studenti con diagnosi di DSA e le agevolazioni previste per le donazioni in favore di organizzazioni e società di mutuo soccorso del terzo settore.

Le novità sul modello 770/2019 e la certificazione unica 2019

Il modello 770/2019 per la dichiarazione dei sostituti d’imposta è stato introdotto un nuovo prospetto dedicato al regime fiscale dei proventi derivanti da prestiti erogati attraverso piattaforme di peer to peer lending e per il social lending. Il nuovo modello è composto di un frontespizio e da quadri staccati, tutti i dettagli relativi alle istruzioni sono disponibili gratuitamente sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, il cui modello in formato pdf può essere anche stampato.

Per quanto corcerne la certificazione unica 2019 dovrà essere inviata dai sostituti d’imposta in via telematica all’Agenzia delle entrate entro il  7 marzo 2019. Invece, è fissata al 31 marzo 2019 la consegna al lavoratore o al pensionato da parte degli Enti previdenziali Inps e Casse. Mentre, è stata confermata al 31 ottobre 2019 l’invio delle certificazioni uniche contenenti esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili mediante la dichiarazione dei redditi precompilata.

Il frontespizio del nuovo modello di Certificazione unica 2019 è composto dal tipo di comunicazione, dati relativi al sostituto, dati relativi al rappresentante firmatario della comunicazione, firma della comunicazione e impegno alla presentazione telematica. Nel modello è stata introdotta una nuova sezione per individuare alcune tipologie reddituali per le quali è previsto un inquadramento fiscale diverso rispetto a quello previdenziale.

Tra le novità è che nella Certificazione unica 2019 sono stati inseriti alcuni campi per l’indicazione del credito riconosciuto dall’Inps a fronte del pagamento degli interessi e del premio sul rischio di premorienza maturati sull’anticipo finanziario a garanzia pensionistica, la cosiddetta Ape volontaria. Tutte le istruzioni sulla compilazione si trovano sul sito dell’Agenzia delle entrate dove sono allegati il Modello ordinario Certificazione unica e il Modello sintetico Certificazione unica in formato pdf, che possono essere anche stampati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news