Coronavirus, sequestro auto per chi trasgredisce il decreto!

veicolo-rimozione-min

L’inadempienza verso il decreto ‘Cura Italia’ emanato dal governo, comporterà conseguenze penali, che possono andare dalla semplice multa alla denuncia penale per omicidio doloso. Intanto dalla procura di Parma arriva un nuovo deterrente per chi esce di casa senza averne i requisiti: il sequestro del veicolo, come misura aggiuntiva rispetto alla denuncia penale per inosservanza a ordini delle autorità.

Come riporta il sito quifinanza.it. le indicazioni sono contenute nella direttiva 5/2020 firmata il 16 marzo dal procuratore capo di Parma, Alfonso D’Avino. Un punto della circolare dispone il sequestro preventivo del veicolo per chi viene trovato in strada fuori dal suo Comune senza “comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute”.

La custodia viene affidata al conducente!

Inoltre la Procura stabilisce che il veicolo sequestrato non venga affidato a un deposito incaricato, ma sia dato in custodia al conducente stesso, il quale naturalmente non potrà utilizzarlo. Nell’eventuale caso di controllo e di accertata mancanza del veicolo, scatterebbe una denuncia per sottrazione di oggetti sottoposti a sequestro, che prevede una reclusione da sei mesi a tre anni e multa da 51 a 516 euro, (che diventano reclusione da tre mesi a due anni e multa da 30 a 309 euro se il reato è commesso dal proprietario).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news