Coronavirus, le discussioni sulla proroga dello stato di emergenza

Weekend di Pasqua, tutta l’Italia è in zona rossa: le regole!

Il problema dello stato di emergenza per il Covid in Italia sta provocando discussioni nel mondo della politica e in quello della scienza. Come spiega il sito dell’agenzia Adnkronos, la misura è in scadenza il 31 luglio ma il governo Draghi starebbe valutando la possibilità di una ulteriore proroga, forse anche fino alla fine dell’anno. Un’ipotesi, questa, che ha provocato una forte reazione di Fratelli d’Italia.

Intanto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri afferma: “La discussione è ancora in corso, ma la proroga dello stato di emergenza è molto sensata oltre l’autunno. Sul fronte sanitario il peggio è alle nostre spalle, ma non è finita. Lo dimostra la necessità di monitorare le varianti, la sorveglianza immunologica, l’attesa per quello che succederà in l’autunno, e dobbiamo completare ancora la vaccinazione della popolazione adulta fino ai tre quarti. Se passato l’autunno le cose dovessero andare come immaginiamo, con il virus messo all’angolo e contenuto, non servirà più lo stato di emergenza, ma questo non possiamo ancora dirlo né noi né il mondo intero”.

Gelmini: “Quaranta milioni in zona bianca”!

La ministra per gli Affari regionali e le Autonomie Mariastella Gelmini ha dichiarato: “Non si deve abusare della proroga dello stato di emergenza” ma la “variante delta non può essere sottovalutata e sicuramente l’errore di sottovalutare la variante delta nel nostro Paese il governo non lo farà”. Gelmini ha rilevato che oggi “abbiamo 40 milioni di italiani in zona bianca e ciò è un fatto estremamente positivo, la pandemia sta regredendo” ma “non è ancora il momento del liberi tutti e dal governo c’è un atteggiamento di grande prudenza e gratitudine nei confronti degli italiani”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news