Coronavirus, i sindacati contro il decreto, oggi mercoledì sciopero in Lombardia!

cgil-maurizio-landini-segretario-min

Mercoledì sciopero in Lombardia dei metalmeccanici contro il nuovo decreto del Governo che, come evidenziano in una nota unitaria i sindacati di categoria della regione, “tiene conto solo in misura parziale delle istanze che Cgil, Cisl e Uil hanno posto all’attenzione dell’esecutivo”. Molte attività “non essenziali né indispensabili – dichiarano i sindacati – sono state inserite tra quelle che possono continuare a lavorare”.

“Abbiamo sempre preteso – prosegue la nota – di mettere salute e sicurezza del lavoratore come questioni prioritarie, ma registriamo che il Governo ha ceduto alle indebite pressioni di Confindustria: il profitto e l’economia hanno avuto il sopravvento su salute e sicurezza. Così non va”. Per questi motivi, i sindacati proclamano lo sciopero regionale il giorno 25 marzoin tutte le aziende che non hanno produzioni essenziali e di pubblica utilità per le necessità del Paese e in tutti quei luoghi di lavoro dove non ricorrano le condizioni di sicurezza”.

Landini: “Pronti allo sciopero generale!”

Intanto, ai microfoni di Radio Capital, il segretario generale della Cgil Maurizio Landini dichiara: “abbiamo ribadito che attività non essenziali mettono a rischio la vita di chi lavora e dei cittadini. Per questo con Cisl e Uil abbiamo dichiarato che siamo pronti allo sciopero generale perché, semplicemente, siamo coerenti con la responsabilità che abbiamo assunto. Siamo consapevoli che ci sono milioni di persone che devono andare a lavorare e che non possiamo mettere a repentaglio la struttura economica del nostro Paese, ma sappiamo anche che il contagio si sta allargando ai luoghi di lavoro e che la vita e la sicurezza delle persone vengono prima di tutto”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news