Coronavirus, in Campania De Luca sblocca pizze da asporto e cartolibrerie!

vincenzo-de-luca-min

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha firmato nelle ultime ore un’ordinanza per l’apertura, dal prossimo lunedì 27 aprile, delle attività legate al cibo da asporto, alle librerie e alle cartolerie. Questa svolta, annunciata dal sito de Il Mattino, era attesa da più di un mese. La task force della Regione si è impegnata per ore per arrivare alla definizione delle misure precauzionali a tutela dei dipendenti e degli utenti, a cominciare dagli interventi di disinfezione e sanificazione dei locali dopo quasi due mesi di inattività.

Oltre a ciò, De Luca, ha parlato nel corso di Porta a Porta su Rai Uno rivolgendo queste parole a Bruno Vespa: “Noi contro la Lombardia? Nord contro Sud? No, non accetto queste banalizzazioni. Ho solo detto che siamo ancora dinnanzi a una emergenza e occorre utilizzare la massima attenzione. Non ce l’ho con la Lombardia, anzi. C’è stato sempre un rapporto di grande collaborazione e di correttezza tra le regioni”.

“Lavoro di prevenzione molto faticoso, ma riuscito!”

E ha aggiunto: “C’è un gemellaggio tra l’ospedale Niguarda e Cardarelli. Abbiamo corso un grande rischio quando tra l’8 e 9 marzo 15.000 persone hanno lasciato il Nord per raggiungere il Sud. Non abbiamo avuto un’epidemia perché abbiamo messo in quarantena tutti quelli che abbiamo individuato. Abbiamo fatto un lavoro di prevenzione molto faticoso, che è riuscito. Il nostro problema oggi è che non succeda qualcosa del genere. Quindi il ‘rompete le righe’ significava questo: liberi tutti di andare in giro per l’Italia, dovunque e comunque. Questo sarebbe un atto di totale irresponsabilità“.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news