App Immuni, tutte le novità! Ecco come funzione e come installarla

Coronavirus: Pedretti chiede maggiore senso di protezione per gli anziani

Finalmente arriva l’app Immuni – dopo mesi di sperimentazione – che aiuterà i cittadini italiani a monitorare eventuali contatti coni contagiati da Covid-19. L’applicazione si può scaricare gratuitamente e senza alcuna registrazione sul proprio cellulare, in modo che la privacy di ogni persona sia tutelata e nessun dato privato consenta in seguito di risalire alla identità dell’utente.

Oggi come oggi funziona solo in quattro regioni: Puglia, Abruzzo, Marche e Liguria. Ma dal 12 giugno sarà disponibile in tutto il resto d’Italia, e visto che già nelle prime 24 ore dal rilascio è stata scaricata da oltre 500.000 utenti, sicuramente avrà successo in tutto il nostro Paese. Osserva però il sito del Corriere dello Sport che l’app ha un difetto: non tutti gli smartphone sono compatibili con l’applicazione Immuni. “Un problema che tutti si augurano che venga presto risolto visti che l’app ci aiuta a combattere l’epidemia Covid-19”.

Una notifica anonima!

In ogni caso, una volta scaricato Immuni sul proprio cellulare, grazie a Bluetooth, “sarà possibile entrare nel sistema di notifiche che avverte gli utenti se e quando sono stati esposti a un cittadino potenzialmente coronavirus contagioso, anche in caso di persona asintomatica”. Il tutto avviene nell’anonimato: in caso di contatto con un contagiato, si riceve una notifica sul telefonino che informa della vicinanza tra i due utenti, senza sapere chi essi siano e dove si siano incontrati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news