Contributi lavoratori domestici: in scadenza il termine per il pagamento

Contributi lavoratori domestici: in scadenza il termine per il pagamento

Domani 10 gennaio 2020 è l’ultimo giorno nel quale sarà possibile pagare i contributi del 4° trimestre 2019 dei lavoratori domestici. Sono “lavoratori domestici” coloro che prestano un’attività lavorativa continuativa per le necessità della vita familiare del datore di lavoro come ad esempio colf, assistenti familiari o baby sitter, governanti, camerieri, cuochi .

Rientrano in questa categoria anche i lavoratori che prestano tali attività presso comunità religiose (conventi, seminari), presso caserme e comandi militari, nonché presso le comunità senza fini di lucro, come orfanotrofi e ricoveri per anziani, il cui fine è prevalentemente assistenziale.Il versamento mancato, tardivo o parziale comporta per legge l’applicazione di sanzioni pecuniarie da parte dell’Inps. 

Pagamento dei contributi

I datori di lavoro possono effettuare il pagamento in vari modi: direttamente online tramite il portale dei pagamenti, con la modalità online pagoPA, con carta di credito, carta di debito oppure conto corrente bancario; rivolgendosi ai soggetti aderenti al circuito “Reti Amiche”.
Il pagamento è disponibile, inoltre, senza necessità di supporto cartaceo, con codice fiscale e codice rapporto di lavoro presso le tabaccherie che aderiscono al circuito di Lottomatica e che espongono il logo Servizi INPS; presso gli sportelli bancari di Unicredit SpA (con pagamento in contanti per tutti gli utenti o, per i correntisti Unicredit, anche con addebito sul conto corrente bancario); tramite il sito del gruppo Unicredit SpA per i clienti titolari del servizio di banca online; presso tutti gli sportelli di Poste Italiane; presso bar, tabacchi ed edicole con SisalPay utilizzando il bollettino MAV (Pagamento Mediante Avviso) inviato dall’INPS. I

Calcolo dei contributi dovuti

Per calcolare l’importo dei contributi dovuti per ciascun trimestre si deve moltiplicare il contributo orario per il numero delle ore retribuite nel trimestre al quale si riferisce il versamento. Per determinare il contributo orario invece si individua, in base alle tabelle, la fascia in cui è compresa la retribuzione oraria effettiva.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news