Concorso in Magistratura 2022 – 2023 tutte le novità

Concorso per 8171 posti di addetto all'ufficio per il processo: le novità sul concorso

È in dirittura d’arrivo il concorso 2022-2023 del Ministero della Giustizia per nuove assunzioni in Magistratura. Il bando uscirà a breve: per accedere basta la laurea in Giurisprudenza. La procedura concorsuale è volta al reclutamento di 400 magistrati. L’avvio della selezione pubblica è previsto entro fine anno, dunque gli inserimenti saranno effettuati entro l’anno prossimo.

Come spiega il sito Ticonsiglio.com, il nuovo concorso per 400 posti in Magistratura era già stato anticipato nei mesi scorsi. Ora l’uscita del bando sembra imminente. Stando ad un recente comunicato del Ministero della Giustizia sono state avviate le interlocuzioni con il Consiglio Superiore della Magistratura per l’avvio della procedura concorsuale che, dunque, potrebbe essere bandita a breve.

Nuove regole!

Il nuovo bando per magistrati era atteso entro settembre ma è slittato, probabilmente anche per l’attuazione della c.d. Riforma Cartabia (Legge delega n.71 del 2022 di riforma dell’ordinamento giudiziario e del Csm pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 142 del 20 giugno 2022). Quest’ultima ha introdotto nuove regole per il concorso in Magistratura e ha semplificato i requisiti di accesso.

Alla procedura si potrà partecipare anche subito dopo la laurea in Giurisprudenza, senza dover frequentare le scuole di specializzazione. La Legge Cartabia ha anche previsto, per la prima volta, l’informatizzazione delle prove scritte, che si svolgeranno su PC. Queste nuove disposizioni valgono sia per il concorso in Magistratura 2022 2023 che per i successivi concorsi per magistrati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news