Bonus Tari, arriva lo sconto in bolletta!

tari-min

Fra i sussidi previsti dall’esecutivo c’è anche quello relativo alla tassa sui rifiuti prodotti sul suolo urbano, la cosiddetta Tari. Come spiega il sito tg24.sky.it, il bonus, così come per gli sconti su luce, acqua e gas, è assicurato dall’Autorità per l’energia. L’agevolazione scatterà per tutti i nuclei familiari che possiedono un ISEE complessivo non superiore a 8265 euro.

Hanno diritto al bonus anche famiglie con quattro figli a carico e ISEE non superiore a 20mila euro. Rientrano nel sussidio anche i titolari di reddito di cittadinanza o famiglie che hanno un membro del nucleo familiare che ha bisogno di apparecchiature mediche alimentate elettricamente e indispensabili per la sopravvivenza.

L’esecutivo deve ancora chiarire la modalità attuativa!

La domanda per il bonus va presentata all’amministrazione comunale di competenza. Una volta esaminata la richiesta ed eventualmente approvata, verranno inviati a domicilio i bollettini Tari già impostati con il bonus. Il Governo, però, rispetto allo sconto sulla Tari, deve ancora chiarire la modalità attuativa del sussidio in base ai criteri individuati per poter accedere all’agevolazione.

La Tari si basa sul possesso a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Ogni Comune determina le tariffe in base a superficie e quantità di rifiuti prodotti o a quantità e qualità di rifiuti per unità di superficie, in relazione ad usi e tipologia delle attività e al costo del servizio sui rifiuti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news