Bonus Bollette, tutte le novità per il 2023

Bonus bollette, si va verso il rinnovo automatico!

La prima Manovra del governo darà spazio soprattutto a provvedimenti finalizzati ad aiutare le famiglie gravate dalla pesante crisi economica attuale: fra le varie misure, si trovano dunque interventi volti a contrastare il caro bollette, con la conferma del bonus bollette, che nel prossimo anno potrebbe presentarsi diverso rispetto a quello del 2022. In effetti, per poter ampliare la platea di beneficiari del bonus, il governo pensa di aumentare il tetto Isee per ottenere lo sconto del 30%.

Allo stato attuale, come riporta il sito de Il Giornale, l’aiuto spetta a chi ha un Isee massimo di 12.000 euro, ma la soglia potrebbe alzarsi fino a 15.000 euro. Si prevede che ad avvalersi del bonus saranno altre 600.000 famiglie che andranno a quelle già sotto tutela (2,5 per l’energia elettrica e 1,5 milioni per il gas). Si sta considerando l’ipotesi di applicare il quoziente familiare al posto dell’Isee.

Il metodo del quoziente familiare! 

Il metodo del quoziente familiare è stato introdotto insieme al decreto Aiuti quater. Se il governo Meloni decidesse di applicarlo anche su questo bonus, subirebbero variazioni sia il tetto Isee che lo sconto in bolletta. Tutto, infatti, dipenderebbe da come è composto il nucleo familiare in esame. Tutto è ancora da vedere e, in ogni caso, il governo dovrebbe prima verificare che ci sia copertura dal punto di vista dei fondi.

Come sono basati gli sconti!

Gli sconti dovrebbero basarsi sulla composizione del nucleo familiare, almeno per quanto riguarda la corrente elettrica. Per quanto concerne il gas, invece, verranno tenute in conto anche le zone climatiche. Nei primi tre mesi del 2023, dunque, le famiglie con uno o due componenti potrebbero risparmiare 264 euro per la bolletta della luce. Un nucleo familiare composto da quattro persone, invece, potrebbe risparmiare anche 378 euro. Per il gas, va considerata la zona climatica in cui risiede la famiglia. Le fasce A e B, considerate dal clima più mite, potrebbero risparmiare 276 euro. Chi si trova in zona F, con le temperature più rigide, potrebbe ottenere uno sconto anche fino a 1.436 euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news