Bonus benzina 200 euro: ecco chi può usufruirne

Benzina e diesel, ultime news: i prezzi schizzano alle stelle

L’Agenzia delle Entrate ha comunicato le istruzioni perpoter usufruire del bonus benzina da 200 euro introdotto come sollievo contro il caro carburante. La circolare, che reca in calce la firma del direttore dell’Agenzia delle Entrate, specifica quali sono i datori di lavoro e i lavoratori interessati dal beneficio, le modalità di erogazione e le regole da seguire nel caso in cui siano riconosciuti come premio di risultato.

Solo per i lavoratori dipendenti!

Come spiega il sito tg24.sky.it, possono accedere al sussidio i datori di lavoro privati, anche chi non svolge attività commerciale, e i lavoratori autonomi, purché dispongano di propri dipendenti. Sono escluse le amministrazioni pubbliche. La platea dei percettori dei buoni benzina include solo i lavoratori dipendenti. I buoni possono essere corrisposti dal datore di lavoro da subito, senza preventivi accordi contrattuali. Si tratta di erogazioni corrisposte dai datori di lavoro privati ai propri dipendenti per i rifornimenti di carburante per l’autotrazione.

Conteggio separato!

Valgono per benzina, gasolio, Gpl e metano, ma anche per la ricarica di veicoli elettrici. Il bonus benzina da 200 euro non concorre alla formazione del reddito da lavoro dipendente. Rappresenta un’ulteriore agevolazione rispetto a quella generale già prevista dall’articolo 51 del Testo unico delle imposte sui redditi (Tuir): deve quindi essere conteggiata in maniera separata rispetto agli altri benefit, chiarisce l’Agenzia delle Entrate.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news