Bolletta dell’acqua: ecco le regioni dove si spende di più e i consigli per pagare meno!

Bolletta dell'acqua: ecco le regioni dove si spende di più e i consigli per pagare meno!

Ieri, venerdì 22 marzo 2019 si è celebrata la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1992, con l’obiettivo di richiamare l’opinione pubblica sull’importanza imprescindibile dell’acqua corrente e promuovere una gestione sostenibile delle risorse idriche. E’ stata diffusa un’indagine, in occasione della Giornata mondiale dell’acqua, sull’Osservatorio prezzi e tariffe. Infatti, Cittadinanzattiva ha realizzato la XIV Indagine sui costi sostenuti da una famiglia per il servizio idrico integrato nel corso del 2018.

Bolletta dell’acqua: ecco le regioni dove si spende di più

Dallo studio di Cittadinanzattiva è emerso che nel 2018, ammonta a 426 euro la spesa media delle famiglie in Italia, con un aumento del 2,9% (12 euro), rispetto al 2017. Grosseto e Siena si confermano i capoluoghi di provincia più cari con una spesa media a famiglia di 753 euro, Isernia, invece, la più economica con 120 euro.

Incremento record a Teramo (+14,3%) e Gorizia (+14,2%). Le regioni centrali confermano il primato per le tariffe più alte con euro 581 annuali e un maggior incremento rispetto al 2017 (+3,8%). A livello regionale, le famiglie più “tartassate” risiedono nell’ordine in Toscana (676 euro), Umbria (536 euro), Marche (512 euro) ed Emilia Romagna (511 euro). La regione più economica è il Molise con 153 euro l’anno, però detenie anche il primato negativo della dispersione idrica (68%, rispetto al 36,4% della media nazionale).

Il maggior incremento tariffario (+9%) si registra in Friuli Venezia Giulia. Solo in Calabria la tariffa resta invariata rispetto al 2017. Dalla indagine è emerso, inoltre, notevoli disparità fra i capoluoghi di provincia della stessa regione, ad esempio nel Lazio, Sicilia, Liguria, Toscana, Lombardia e Calabria, dove le differenze sulla spesa sostenuta annualmente dalle famiglie possono superare i 300 euro. In Sicilia, si passa dai 715 euro di Enna, capoluogo siciliano più costoso, ai 215 euro di Catania, capoluogo meno caro.

Bollette acqua: ecco i consigli per pagare meno!

A fornire consigli per pagare meno, è Cittadinanzattiva. Secondo cittadinanzattiva con un uso più consapevole e razionale di acqua, quantizzato in 150mc invece di 192mc l’anno, una famiglia spenderebbe 310 euro anziché 426, con un risparmio medio del 27% circa a livello nazionale e di oltre il 30% in Regioni come Campania, Liguria, Puglia, Toscana, Umbria.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Diritto.news